Torreó de la Peça 

← Volver

Tra il XIII e il XIV secolo a Calpe venne costruito un muro di cinta per proteggere la città dagli attacchi musulmani. La sua posizione sulla costa rendeva il luogo sensibile agli attacchi provenienti via mare dai pirati, ed è per questo che nel XVI secolo Carlo V ordinò la riparazione delle mura. Le vicine popolazioni avevano come unico accesso alla città il portale denominato “El Portalet”.

Uno degli attacchi più duri avvenne nel 1637. I pirati berberi invasero il villaggio senza essere visti. Le sentinelle dormivano e scavalcarono le pareti utilizzando delle scale. Durante questo attacco presero in ostaggio praticamente tutta la popolazione di Calpe.

Un altro attacco molto importante alla città è stato quello effettuato durante una festa patronale, verificatosi il 22 Ottobre del 1744. Dopo questo attacco dei pirati, venne realizzato un progetto per fortificare la città, con la costruzione di una seconda muraglia, che circondasse il borgo dell'antica cittadella. Il “Torreó de la Peça” deve il suo nome al forte abbattuto nel XX secolo e nel quale veniva custodita l'artiglieria.

 

AVISO DE COOKIES: Este sitio web hace uso de cookies con la finalidad de recopilar datos estadísticos anónimos de uso de la web, así como la mejora del funcionamiento y personalización de la experiencia de navegación del usuario. Si continúa navegando se considera que acepta nuestra política de cookies. Aceptar Más información